PENSIONI. LE PEREQUAZIONI PREVISTE PER IL 2014

16 gennaio 2014
By

Nell’intento di vanificare alcune perplessità si ritiene opportuno sintetizzare la normativa relativa alle perequazioni previste per il 2014, anche in considerazione che alcuni accorgimenti “fiscali”, (una sorta di pubblicità ingannevole o abuso della credulità popolare) adottati dall’Agenzia delle Entrate, potrebbe indurre il percettore a facili illusioni.

Si ritiene pertanto opportuno riepilogare con “domestiche” espressioni gli aumenti effettivi che saranno concessi ai “comuni” pensionati.

* più 1,2% (100% dell’indice Istat) sulle pensioni d’importo mensile sino a 3 volte il minimo di dicembre  2013 (1.487 euro);

* più 1,08% (90% dell’indice) per quelle d’importo mensile compreso tra 3 e 4 volte il minimo (da 1.487 a 1.982 euro);

* più 0,90% (75% dell’indice) per quelle d’importo mensile compreso tra 4 e 5 volte il minimo (da 1.982 a 2.478 euro);

* più 0,60% (50% dell’indice) per quelle d’importo mensile compreso tra 5 e 6 volte (da 2.478 a 2.973 euro).

Nessuna rivalutazione, infine, per le quote di trattamento d’importo superiore 2.973 euro.

Tuttavia, così come è stato illustrato lo scorso anno, gli importi delle pensioni relativi ai mesi di gennaio e febbraio, anche se superiori a € 2.973/00, risulteranno maggiori di quelli precedenti. Non facciamo illusioni. Per i pensionati con importi superiori a € 2.973/00, nessun aumento è stato concesso.  L’aumento “virtuale” si riferisce alle omesse trattenute fiscali (qui l’abuso della credulità popolare) relative all’addizionale comunale e all’addizionale regionale. Le stesse saranno ripristinate, speriamo nella stessa misura, nel mese di marzo.

                                                                                                                 Vincenzo Ruggieri

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieci anni

Archivio