ELENCO DEI MILITARI IN AUSILIARIA – SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA “GAZZETTA UFFICIALE N. 214 DEL 14 SETTEMBRE 2018 – SERIE GENERALE.  

17 settembre 2018
By

Elisabetta trentaIl ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’elenco degli ufficiali in “ausiliaria” a disposizione della Pubblica Amministrazione.

La categoria dell’ausiliaria comprende il personale militare che, essendovi transitato nei casi previsti, ha manifestato all’atto del collocamento nella

predetta posizione la propria disponibilità a prestare servizio nell’ambito del comune o della provincia di residenza presso l’amministrazione di appartenenza o altra amministrazione.

Per la prima volta è stato pubblicato l’elenco dal quale le Pubblica Amministrazione potrà accedere per le proprie esigenze a costo zero.

Gazzetta ufficiale del 14 settembre 2018

Tags: ,

3 Responses to ELENCO DEI MILITARI IN AUSILIARIA – SUPPLEMENTO ORDINARIO ALLA “GAZZETTA UFFICIALE N. 214 DEL 14 SETTEMBRE 2018 – SERIE GENERALE.  

  1. Anna Bonu on 26 settembre 2018 at 13:17

    Buongiorno, sono la segretaria comunale del Comune di Siniscola.
    L’iniziativa è ottima, peccato che nessuno sappia darci delle informazioni in merito.
    Il Comune di Siniscola ha una popolazione di quasi 13.000 ab. ed ha un organico sottodimensionato rispetto alle esigenze e servizi che deve gestire. Saremmo interessati ad avere notizie più precise, per capire se per noi ci siano buone possibilità oppure no. Pertanto lascio la mia mail sperando che qualcuno risponda e di questo gliene sarò grata.
    Cordiali saluti

  2. zeta on 28 settembre 2018 at 10:52

    Dal sito del Mistero Difesa:
    Andando nel dettaglio, la titolare del Dicastero ha spiegato che qualora una amministrazione comunale avesse – ad esempio – necessità di un ingegnere specializzato, un medico, un biologo o un informatico, potrà contattare direttamente la direzione del personale militare, chiedere se tra le Forze Armate ci sono professionisti in ausiliaria residenti presso il Comune stesso e chiamarli in supporto dell’amministrazione per i 5 anni previsti.

  3. Matteo Maria Zoccoli on 17 ottobre 2018 at 11:42

    Quindi solo se questo professionista fosse residente nel comune potrebbe prestare servizio? Mi sembra una bella limitazione, se così fosse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieci anni

Archivio