IL RUOLO DELLE FORZE ARMATE NELLE PUBBLICHE CALAMITA’.

23 gennaio 2017
By

 

 

I concorsi delle Forze Armate in casi di pubbliche calamità consistono nell’impiego di personale, 201c2455-6335-4b44-a498-6de4e460e44fimage1Mediummezzi e materiali in compiti che siano uguali o affini a quelli normalmente svolti. Il ruolo delle Forze Armate deve considerarsi complementare a quello svolto dalla Protezione Civile o dagli altri Dicasteri istituzionalmente preposti ai diversi settori di intervento. La tipologia di impegni è regolata da specifiche disposizioni legislative e direttive del Ministero della Difesa e dagli Stati Maggiori della Difesa e di Forza Armata. (Grande Opera UTET sulla Difesa e le Forze Armate in Italia).6eebfe3b-b3f6-4821-b2a9-f5d02e1a4806aeronauticamilitare_emergenzaneve_terremoto (32)Medium

In occasione delle pubbliche calamità le Forze Armate rappresentano uno strumento operativo, con assetti variabili strutturati in relazione alle diverse esigenze, a disposizione della protezione Civile cui risale la responsabilità dei soccorsi.

9d1f6180-92fa-4fe1-852b-90353b5e158aimage2Medium

ca0b905a-958b-49c1-be7e-d36370ccfa25apertura (2)MediumIn Abruzzo dalle prime scosse di terremoto del 24 agosto 2016 sono operativi gruppi specializzati per ripristino della viabilità, la messa in sicurezza delle strutture danneggiate dal sisma fino alla realizzazione di abitazioni di emergenza per gli sfollati. Con l’emergenza neve degli ultimi giorni diversi assetti sono prontamente intervenuti per far fronte ad ogni esigenza. Altre unità delle quattro Forze Armate sono in approntamento per raggiungere la zona all’emergenza. I numeri complessivi dell’impegno sono di circa 3.300 militare, oltre un migliaio di veicoli (tra mezzi speciali del genio, cingolati e ruotati) e 36 elicotteri.

Nelle ultime ore i genieri dell’4° reggimento Genio Guastatori di Palermo sono intervenuti in sostegni alla popolazione locale a causa delle intense precipitazioni nevose che hanno investito la Regione nei giorni scorsi.  Grazie all’impiego di piccoli mezzi cingolati particolarmente adatti a muoversi sia nelle vie più strette delle città che in quelle extraurbane più impervie, hanno garantito il ripristino della viabilità interna della cittadina raggiungendo le abitazioni del centro storico di Troina, centro abitato sui monti Nebrodi del Libero Consorzio Comunale di Enna, rimaste isolate.b5975e97-da71-4ad1-bca3-e84a0641b087aperturaMedium

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieci anni

Archivio