AL VIA I PROGETTI “SICUREZZA NELLE SCUOLE” E “ALUNNO FELICE” A SHINDAND BAMBINI ISTRUITI SUI RISCHI DA MINE E RESIDUATI BELLICI

3 dicembre 2013
By

Shindand, 02 dicembre 2013 – In occasione della Giornata Mondiale dell’Infanzia sono iniziati nei giorni scorsi nel distretto di Shindand – Afghanistan occidentale – i progetti “Sicurezza nelle Scuole” e “Alunno Felice”, svolti congiuntamente dall’Afghan National Army (ANA) – l’esercito afghano – e dalla Transition Support Unit Center (TSU-C), l’unità di manovra su base 183° reggimento paracadutisti “Nembo” di Pistoia.

 I programmi, voluti dal Dipartimento di Educazione di Shindand, sono stati sviluppati nell’ambito dell’attuale fase di transizione della missione Isaf che prevede il passaggio della leadership della sicurezza e della governance alle istituzioni locali. Entrambi sono nati dall’esigenza di diffondere la conoscenza ed elevare la sicurezza nelle fasce più deboli della popolazione contro i rischi causati dal maneggiare oggetti rinvenuti, quali mine ed altri residuati bellici, nonché per dotare di ausili didattici i piccoli alunni dei villaggi di Quanati, di Mogholan-e-Khone e della scuola Farqa Bisto Yak.

 Il colonnello Franco Merlino, comandante del 183° reggimento paracadutisti Nembo, presente alla prima lezione del progetto “Sicurezza nelle Scuole”, ha espresso la “testimonianza di quanto i militari del contingente multinazionale, su base brigata meccanizzata Aosta, siano vicini alle necessità della popolazione locale”. Al termine della lezione i paracadutisti hanno consegnato ai presidi delle scuole 100 banchi da tre posti ciascuno, 400 zainetti, 18 grandi lavagne e materiali di cancelleria e generi alimentari acquistati con fondi del Ministero della Difesa italiano, compresi 200 kit igienico sanitari.

L’attività a favore della rinascita e della ricostruzione avviata dal contingente italiano nell’area di responsabilità del Regional Command West, ha visto nello stesso periodo la realizzazione di un pozzo d’acqua all’interno del villaggio di  Mogholan-e-Khone, permettendo così alle donne di aver accesso alle risorse idriche in quanto, essendo in passato presente un solo pozzo al di fuori del villaggio stesso, solo gli uomini e i bambini potevano recarvisi per prelevare l’acqua. Contemporaneamente, nel vicino villaggio di Mogholan-e-Now è stato ristrutturato un capannone pericolante per l’allevamento del bestiame e dei più comuni animali da cortile che permetterà di dare successivo impiego ad oltre 300 persone del vicino villaggio.

 __________________

Transition Support Unit – Center (TSU-C). Unità di manovra del Regional Command West su base 183° reggimento paracadutisti Nembo, con sede in Pistoia.
L’area di responsabilità assegnata alla TSU Center comprende parte della provincia di Herat, in particolare coincide con i distretti di Shindand, Adraskan, Chishti Sharif e Obeh. Confina a nord con il Turkmenistan, ad ovest con l’Iran ed è posta tra le province afghane di Badghish a nord-est, Ghowr a sud-est e Farah a sud.
La TSU opera per favorire la sicurezza, lo sviluppo e la governabilità da parte delle autorità locali a favore della popolazione civile, in un’area ove la presenza di strutture governative legalmente riconosciute è ridotta al minimo.

Per ulteriori approfondimenti si invita alla consultazione delle schede informative della missione ISAF pubblicate sul sito internet dello Stato Maggiore Difesa raggiungibile al seguente link:

http://www.difesa.it/OperazioniMilitari/op_intern_corso/ISAF/Pagine/Generalita.aspx

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieci anni

Archivio