Oltre Caravaggio. Pittura del Seicento in Abruzzo, tra Roma e Napoli.

26 luglio 2013
By

 

Forte del successo della prima tappa a Lanciano, la mostra itinerante “Oltre Caravaggio” fa una sosta a Sulmona, prima di
proseguire per L’Aquila.

Una mostra di pittura seicentesca “In Abruzzo, tra Roma e Napoli” come anticipa il titolo, curata da Lucia Arbace,   Soprintendente per i Beni Storici dell’Abruzzo, che vede esposti al pubblico, per la prima volta, i capolavori di due prestigiose collezioni d’arte, la Cappelli e la Dragonetti de Torres, un tempo esibite nelle gallerie e nei saloni degli omonimi sontuosi palazzi  aquilani. Su un totale di 44 tele, soltanto alcuni dipinti  della raccolta Cappelli erano visibili fino al sisma del 2009 nel Museo Nazionale d’Abruzzo a L’Aquila, e non sono stati risparmiati dal terremoto del 2009, ma sono stati attentamente restaurati, come le due tele di Giacinto Brandi,ora incardinate alla Mostra. Possono essere ammirate  anche alcune novità assolute, come il “San Pietro Martire”, del quale si sta discutendo una possibile attribuzione a Guercino, e il “Cristo benedicente, importante inedito di Massimo Stanzione. Non manca l’ omaggio a Mattia Preti.

   Tratto da “Vedere in Abruzzo”-Giornale dell’Arte

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dieci anni

Archivio